< Torna all'elenco    

 

   
 
08/01/2019 ZF
 

Il supercomputer ZF ProAI con funzionalità di IA: massima potenza di calcolo e flessibilità

  • ZF ProAI RoboThink rappresenta la centralina con funzionalità di IA più potente del settore automotive
  • La famiglia di prodotti ZF ProAI, modulare e scalabile, integra stack software e processori per la guida automatizzata
  • ZF introduce il proprio stack software progettato per i nuovi concept di mobilità destinati al trasporto di persone e merci
  • Zf ProAI è il primo sistema a impiegare DRIVE AutoPilot di Livello 2+ di NVIDIA a partire dal 2020 
  • La nuova partnership con Xilinx evidenzia l’approccio “open system”

Friedrichshafen / Las Vegas, 8 gennaio 2019. ZF ha svelato il modello più recente del suo supercomputer automotive ZF ProAI prima dell’inizio del CES di Las Vegas. L’unità centrale ZF ProAI RoboThink offre le massime prestazioni nel settore. Le case costruttrici e i fornitori di servizi di mobilità beneficiano inoltre della modularità e scalabilità del sistema. I quattro modelli della famiglia attuale di prodotti ZF ProAI possono essere configurati in modo ottimale per qualsiasi applicazione: da una funzione ADAS di base fino alla guida totalmente autonoma per autovetture, veicoli commerciali e industriali e applicazioni dell’industria. 

I clienti possono inoltre specificare l'architettura software preferita – un'innovazione davvero rivoluzionaria, soprattutto per le applicazioni di Mobility-as-a-Service. Sulla scia di servizi in rapido sviluppo quali il ride hailing, ZF ha inoltre presentato in anteprima al CES il proprio stack software per i nuovi concept di mobilità. Lo stack, la versione più recente di ZF ProAI e il set completo di sensori proposto dalla società rappresentano un sistema totalmente integrato per veicoli senza conducente, che può essere facilmente adottato dai nuovi player dei servizi di mobilità.

DRIVE Autopilot di NVIDIA in anteprima su ZF ProAI

La potenza e la flessibilità di ZF ProAI hanno inoltre persuaso NVIDIA a nominare ZF uno dei partner preferenziali per il lancio del nuovo NVIDIA Drive Autopilot di Livello2+. Poiché la produzione in serie del nuovo prodotto di ZF partirà entro i prossimi 12 mesi, esso rappresenta l’unico supercomputer nel mercato automotive con capacità di IA a poter soddisfare le ambiziose tempistiche di NVIDIA relativamente al lancio di DRIVE Autopilot dal suo esordio. Il CEO di ZF, Wolf-Henning Scheider, si è così pronunciato in merito: “Stiamo sfruttando il fatto che solo ZF offre un supercomputer pronto per la produzione in serie. La nostra famiglia di prodotti ZF ProAI, aperta, flessibile, modulare e scalabile, consente la giusta configurazione di ogni applicazione – per diversi settori e per tutti i livelli di guida automatizzata.”

"Siamo entusiasti dei risultati della collaborazione con ZF. La loro prontezza e le competenze di sistema hanno dato luogo a uno sviluppo incredibilmente rapido della piattaforma ZF ProAI, consentendo applicazioni su robotaxi da Livello2+ a Livello 4 e Livello 5, sfruttando i processori DRIVE Xavier e il software DRIVE di NVIDIA", ha affermato Rob Csongor, Vice President of Autonomous Machines di NVIDIA. “ZF è ora in grado di offrire alle case costruttrici avanzate soluzioni di guida autonoma di Livello 2+ per una produzione che avrà inizio nel 2020, e la capacità di scalare velocemente a più alti livelli di autonomia.

ZF ProAI rappresenta una potente alternativa ai sistemi chiusi

Una potenza di calcolo superiore e l’intelligenza artificiale sono prerequisti importanti per le funzioni di guida autonoma di livello 4 e superiori. Una centralina ad alte prestazioni è essenziale per analizzare a 360 gradi l'ambiente circostante, monitorando al contempo l'abitacolo e la posizione degli occupanti, per contribuire ad aumentare la sicurezza e il controllo del veicolo. Il settore della mobilità può oggi trarre beneficio da ZF ProAI RoboThink, la centralina elettronica più potente al mondo in campo automotive, progetto totalmente nuovo di ZF. L'ultimo nato nella famiglia di prodotti ZF ProAl è dotato di un proprio processore grafico, possiede una capacità di calcolo totale di oltre 150 teraOPS (equivalenti a 150 trilioni di operazioni di calcolo al secondo) e può essere combinato in modo modulare in un massimo di quattro unità, per un totale di 600 teraOPS. 

"Il vantaggio esclusivo di ZF ProAI RoboThink con funzionalità di IA è rappresentato da come il suo hardware sia stato concepito in modo modulare e dalla sua architettura open software. Il nostro obiettivo è fornire la più ampia gamma possibile di funzioni nel campo della guida autonoma", spiega Torsten Gollewski, head of Advanced Engineering at ZF and general manager of Zukunft Ventures GmbH.

Con quattro modelli, ZF può praticamente coprire l'intera gamma di scenari applicativi e casi d'uso possibili. ZF ProAI Gen1 è un modello base economico conforme a tutti gli standard NCAP 2022. ZF ProAI Gen2 ha una capacità di calcolo sufficiente a consentire una guida parzialmente e altamente automatizzata di Livello 2 e 3. Il modello successivo, ZF ProAl Gen3, offre un'ampia modularità e può combinare vari chip in un massimo di tre schede elettroniche ad elevate prestazioni. Ciò consente una potenza di calcolo sufficiente per l'elaborazione in tempo reale dei dati richiesti per la guida automatizzata fino al Livello 4. Il modello più recente, ZF ProAI RoboThink - con potenza di calcolo scalabile e processore grafico - è la soluzione high-end più potente e ideale per applicazioni di guida autonoma di Livello 4 e superiori

La famiglia di prodotti ZF ProAl offre una piattaforma aperta per l'integrazione personalizzata di algoritmi software, con funzioni convenzionali e anche algoritmi di lA. Inoltre supporta diversi sistemi operativi di uso comune in campo automotive, come AutoSAR, Adaptive AutoSAR o QNX e potrà integrare ulteriori piattaforme man mano che verranno sviluppate. La riuscita collaborazione con NVIDIA continua con ZF ProAI RoboThink – tuttavia ZF offre ai clienti anche l'opzione di integrare chip di altri produttori in ZF ProAI. Un esempio attuale è rappresentato dalla nuova partnership con Xilinx, azienda leader nelle piattaforme adattive e nelle reti intelligenti. ZF sta integrando la piattaforma Multi-Processor System-on-Chip (MPSoC) di Xilinx per l’aggregazione dei dati, il pre-processamento e la distribuzione, in modo da consentire la scalablità e flessibilità richieste dai vari sensori e dai set di funzionalità della guida automatizzata, assicurando al contempo una bassa latenza e l’accelerazione ad alta efficienza di calcoli con intelligenza artificiale. Questo approccio è unico rispetto ad altri sistemi sul mercato che utilizzano una combinazione fissa di architetture hardware e software – una soluzione che può potenzialmente limitare la funzionalità e risultare più costosa.

ZF ProAI accelera la Mobility-as-a-Service

I taxi robotizzati e le navette per il trasporto di persone e merci stanno fortemente accelerando lo sviluppo di unità centrali con capacità di calcolo molto superiori. Ciò perché i potenti computer in un dominio, utilizzati in applicazioni Mobility-as-a-Service, non gestiscono solo il complesso calcolo dell'ambiente circostante sulla base di una combinazione di dati di telecamere, radar e LIDAR, ma integrano anche i dati utente tramite cloud, i sistemi di pagamento e soprattutto la pianificazione e l’applicazione ottimale del percorso. Algoritmi complessi svolgono questi calcoli sulla base delle esigenze di mobilità e di trasporto di persone o merci e possono confrontare i dati in tempo reale con le condizioni di traffico del momento.

"La capacità di calcolo dei computer centrali per taxi robotizzati e navette autonome per il trasporto di persone e merci sarà notevolmente superiore rispetto a quella per le autovetture a guida automatizzata", afferma Torsten Gollewski. "La domanda da parte dei fornitori di servizi di ride-hailing per potenze di calcolo ancora maggiori è aumentata molto prima del previsto. Oggi il settore della guida autonoma è promosso più da nuovi fornitori di servizi di mobilità che dalle case costruttrici tradizionali".

A seconda del caso d'impiego, la famiglia di prodotti ZF ProAl offre capacità di calcolo che forniscono una piattaforma ideale per la fusione di dati provenienti da sensori di telecamere, sistemi LIDAR e radar. Anche la navetta per il trasporto di persone e merci, di cui ZF lancerà la produzione in serie quest'anno in una joint venture con e.GO Mobile AG, utilizzerà ZF ProAI per le sue funzioni di guida automatizzata e la connessione in rete. 



COMPILA LA SCHEDA E RICEVERAI LA DOCUMENTAZIONE DI QUESTO COMUNICATO
   
Nome:
Cognome:
Testata\Editore:
Email:
 
 
 

 

 
COM&MEDIA S.r.l.
Viale Monte Nero, 51 - 20135 - Milano
T. 02 45 40 95 62
F. 02 81 32 485
uffstampa@comemedia.it
Registrati per ricevere
i nostri comunicati stampa